Cosa fare nelle giornate calde?

Quando l’estate è particolarmente buona per noi, un buon consiglio è costoso. A casa in cucina, in ufficio al lavoro o quando si arriva visitatori e la stanza diventa soffocante. I ventilatori sono stati sviluppati per garantire una maggiore circolazione dell’aria ambiente. I piccoli aiutanti lavorano con soffianti efficienti e quindi forniscono un po’ di raffreddamento. Ma i ventilatori contribuiscono davvero a garantire un approvvigionamento sostenibile di aria fresca? Oppure si consiglia l’aria condizionata, se disponibile in casa o in ufficio? Diamo consigli sull’uso dei ventilatori o dell’aria condizionata.

Come funziona un ventilatore?

Ventilatore o aria condizionata?

Ventilatore o aria condizionata?

Per facilitare la scelta tra ventilatore e climatizzatore, spieghiamo innanzitutto i principi di funzionamento delle due tecnologie. Un ventilatore è un turbomacchina che genera vento lavorando con pale del rotore rotanti. Tale soffiante può generare flussi d’aria di diversa forza a seconda delle sue dimensioni. Le pale del rotore di solito ruotano in un alloggiamento e sono protette da una griglia. I ventilatori moderni si basano su un principio più recente e non consentono l’accesso alle pale del rotore installate. In questo modo si riduce il rischio di lesioni.

Nonostante la parola ventilatore faccia proprio pensare a qualcosa che favorisca l’areazione, questi apparecchi non svolgono effettivamente questa funzione. Quando il ventilatore viene messo in funzione, le pale spostano l’aria senza fornire un vero ricambio. Naturalmente avviene uno spostamento d’aria, che non porta in alcuno modo al rinnovamento dell’aria nella stanza. Per questo motivo i ventilatori vengono spesso posizioni vicino alle finestre o alle porte sfruttando le correnti d’aria esterna e rendendo l’apparecchio più utile. Un vantaggio importante dei ventilatori è il prezzo decisamente più basso, rispetto all’aria condizionata.

Quale è l’effetto dell’aria condizionata?

A differenza di un ventilatore, un condizionatore d’aria spesso funziona con un’alimentazione d’aria esterna. Anche se questo non alimenta automaticamente l’aria fresca, la circolazione è molto più estesa. A seconda del funzionamento dell’impianto di climatizzazione, l’aria fresca può essere costantemente “aspirata” dall’esterno dell’edificio. I sistemi più piccoli possono funzionare come i ventilatori grazie alla circolazione diretta dell’aria. In questo modo si garantisce anche un ridotto ricambio d’aria. Tuttavia, dall’effetto contro il caldo in estate, un impianto di climatizzazione raggiunge risultati significativamente migliori e soprattutto più sostenibili. Mentre l’effetto diminuisce molto rapidamente quando un ventilatore viene spento, l’effetto di un sistema di condizionamento d’aria dura più a lungo. Questo perché la temperatura viene effettivamente modificata con l’aiuto di un sistema di aerazione, mentre un ventilatore soffia solo l’aria.

Ventilatore o aria condizionata: chi sará il vincitore?

Nonostante le loro numerose somiglianze, i ventilatori e gli impianti di climatizzazione possono essere utilizzati per scopi molto diversi. Da un lato, l’aria condizionata non è installato in tutte le case e in tutti gli appartamenti. Se l’edificio è già in funzione, l’adeguamento non avrà senso. Qui un ventilatore è il mezzo di scelta quando le temperature aumentano in estate. L’uso mirato di ventilatori può fornire raffreddamento e, con l’aiuto di dispositivi oscillanti, cioè girevoli, rivolgersi a più persone. Tuttavia, se la scelta tra aria condizionata e ventilatore è data, l’uso del primo è raccomandato. Il consumo di energia di un sistema di ventilazione o di controllo della temperatura è superiore a quello di un ventilatore. Tuttavia, l’effetto è più sostenibile e può essere raggiunto più rapidamente. Ciò porta ad una relativizzazione dei costi energetici e bilancia i vantaggi e gli svantaggi di cui abbiamo parlato.

La nostra conclusione è quindi: se deve essere veloce o particolarmente a buon mercato, si dovrebbe scegliere un ventilatore. Tuttavia, se si tratta di costi a lungo termine o se sono disponibili entrambe le tecnologie, si raccomanda l’uso di un impianto di condizionamento dell’aria. In commercio troviamo anche una soluzione “ibrida”, ovvero i piccoli
condizionatori mobili, che includono i vantaggi dei ventilatori e dei normali condizionatori.

Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 - Aromaterapia.guru utilizza contenuti di Amazon Product Advertising API.